DaBimbi
Articoli su Tecnologia, Benessere e Altro

Come si organizza il matrimonio perfetto? aprile 7, 2017

 

Come si organizza il matrimonio perfetto?

Bisogna subito chiarire che purtroppo il matrimonio perfetto, nel senso stretto della parola, non esiste: ciononostante, si può custodire una bellissima memoria del fatidico giorno, che in futuro ci faccia sorridere e desiderare di riviverlo ancora una volta.

Nell’organizzare un matrimonio da sogno sono 5 gli step fondamentali da seguire:

  1. Organizzarsi in tempo: per prima cosa occorre munirsi di un diario, una moleskina o altro per annotare, scrivere, scarabocchiare qualsiasi idea e desiderio ci venga in mente, per non perdere traccia di nulla. Con l’aiuto di questo diario sarà possibile pianificare il matrimonio e controllare la costruzione del budget plan dettagliato con minuzia e soprattutto almeno un anno prima della data stimata. Partite subito quindi! Innanzitutto stilando la lista di invitati, inviando loro un save the date quanto prima, per avere da subito un’idea di chi parteciperà. In base alle conferme ricevute si andrà a scegliere la location per la cerimonia e per il ricevimento, nonché il menù con relativa organizzazione dei tavoli e dei posti a sedere. Tutti questi passaggi vi permetteranno di non sprecare denaro: quando il tempo a disposizione si restringe, infatti, anche le migliori possibilità a disposizione diminuiscono e si finisce per non trovare più le offerte vantaggiose.
  2. Valutare gli invitati e soprattutto i testimoni: stilate una lista di tutte quelle persone che con assoluta certezza contribuiranno a creare la giusta atmosfera. Circondatevi solo delle persone che davvero volete vedere seduti ai tavoli durante il ricevimento o quando attraversate la navata. Probabilmente si tratta dell’unico fattore imprescindibile per la buona riuscita del vostro matrimonio! E ancora più importante: i testimoni! Non solo perchè vi staranno accanto durante il momento più importante della giornata ma anche perchè saranno loro a dover organizzare il vostro addio al nubilato/celibato: sarà questa l’ultima occasione per lasciarvi andare prima della vita matrimoniale ed è un rito di passaggio che non potete saltare. Assicuratevi che il vostro testimone organizzi una grande serata o un viaggio divertente!
  3. Pianificate la spesa: informandovi sui costi minimi e massimi di ogni servizio/prodotto prescelto e stabilendo delle priorità, che cos’è importante per voi e cosa lo è meno.
  4. Scegliete il fornitore giusto e il catering giusto: per cercare il fornitore giusto nella vostra zona, wedding planner incluso, utilizzate i portali ad hoc ed i motori di ricerca. Andate su Google e cercate il wedding planner o il catering che fa per voi senza fermarvi al primo che trovate. Selezionate i professionisti con cura, poichè metterete parte della riuscita di questo giorno nelle loro mani. Non tutti i fornitori, infatti, possono permettersi di investire in pubblicità online, ma non significa affatto che la qualità di questi professionisti sia inferiore. Una volta scelto il professionista giusto che risponde alla vostre esigenze, fate un ultimo check, andando a guardare le recensioni che lo riguardano, se ci sono feedback positivi e negativi nei forum. A questo punto chiedete un preventivo!
  5. Scegliete un tema e rendete il vostro matrimonio unico: scegliete qualcosa che vi rappresenti in toto, che sia in linea con la vostra personalità e la vostra storia d’amore. Si consiglia di scegliere il tema da sviluppare di concerto con il wedding planner, il fotografo e altro, poichè sarà il filo conduttore per la scelta di tutti gli aspetti stilistici del vostro matrimonio.

Ed infine divertitevi, in fondo è il giorno più importante della vostra vita!

 

Nessun commento su Come si organizza il matrimonio perfetto?
Categoria: Wedding

Tutti al mare..che ansia!

Ed eccolo di nuovo qui quel periodo dell’anno in cui  l’estate  si intravede in lontananza e l’ansia lancinante di non riuscire a superare la sempre più drastica “prova costume” si fa largo prepotentemente. Spesso la cosa diventa una vera e propria ossessione da cui non ci si riesce a liberare e che può causare davvero non pochi problemi.

Sembra banale ma ogni anno sempre più donne ovunque e quindi anche nelle nostre città,  sono costrette a ricorrere ai metodi più svariati  per togliere qualche rotolino di troppo, per rassodare quelle zone che creano tanto disagio o magari solo per sistemare quei piccoli inestetismi che proprio non  fanno dormire la notte.

Che siano pochi oppure no, i kg di troppo comunque incidono sull’umore: ed è proprio in vista delle spensierate e rigeneranti giornate al mare che riaffiorano alla mente e allora non ci resta che decidere cosa fare e soprattutto, da dove cominciare.

Ci sono moltissime opzioni da valutare che in parte dipendono anche dalla percentuale di pigrizia che ci appartiene. Lo sport è senz’altro l’unico vero toccasana perché oltre a rassodare il nostro corpo ci aiuta anche nel processo di perdita di peso, in tempi magari non troppo ragionevoli ,ci vogliono dei mesi prima di vedere risultati  e soprattutto continuità negli allenamenti. Ed è proprio il fattore tempo  che spesso porta l’ago della bilancia a pendere su versanti in cui i risultati si vedono più velocemente e in modo meno  impegnativo.

 

Crioterapia: benefici sotto zero

Se il problema è cellulite, ritenzione idrica e pelle a buccia d’arancia vi basti sapere che  sta prendendo particolarmente piede l’utilizzo della crioterapia che sfrutta tutti i possibili benefici delle temperature  sotto lo zero. Grazie  all’utilizzo di macchinari appositi, viene creato artificialmente un freddo secco  proibitivo che si riesce a tollerare solo per una manciata di minuti e che apporta benefici incredibili.

 

Se vi capita di entrare in un centro per il dimagrimento a Roma per esempio provate a chiedere informazioni.  La criosauna ormai è di routine in moltissimi centri capitolini, uno dei più interessanti a tal proposito è senza ombra di dubbio il Salone delle Follie, dove  viene quotidianamente proposta anche per alleviare dolori articolari e vene varicose.

Mangiare sano  per depurare il corpo, bere tanto per drenare i liquidi in eccesso,    sport e  trattamenti estetici di ultima generazione : eccola  la carta vincente  per andare al mare in pieno relax.

 

Nessun commento su Tutti al mare..che ansia!

Il genere crime: un cult della televisione internazionale marzo 29, 2017

Il genere crime nasce in America ma ben presto si sviluppa a livello mondiale, trovando grandi consensi anche in territorio italiano. Le serie televisive di questa tipologia, presenti sul palinsesto televisivo del momento, si rifanno alla ricostruzione di delitti efferati, spesso tendenti al thriller o con risvolti psicologici degni dei più grandi serial killer della storia.

I protagonisti di queste stagioni sono spesso poliziotti, psicologi, avvocati e uomini di legge o ancora, omicida, pazzi psicopatici, membri della malavita organizzata e molto altro ancora.

Numerosi spunti narrativi per il genere crime.

Gli appassionati di questo genere televisivo sanno bene che le puntate delle loro serie televisive preferite possono rifarsi a storie realmente accadute oppure a trame totalmente inventate. Generalmente la politica, o per meglio dire la "fantapolitica", è la scena sopra la quale vengono studiate le storie da narrare all'interno delle serie televisive di maggior successo.

Se dovessimo citare alcune delle serie di genere crime più conosciute, le prime che ci verrebbero in mente sarebbero senza ombra di dubbio CSI, NCIS, Breaking Bad e Criminal Mind.

Anche la scena italiana non rimane indietro se la paragoniamo alle più avventurose serie tv americane, basti infatti pensare al gran successo con cui è stata acclamata la serie di R.I.S. – Delitti Imperfetti che si rifà alle indagini dei carabinieri del Reparto Investigazioni Scientifiche di Parma.

La serie televisiva è stata prodotta tra gli anni che vanno dal 2005 al 2009 ed è riuscita a tornare sul grande schermo tra il 2010 e il 2012 con un filone che si riaggancia alle investigazioni di tipo scientifico delle forze dell'ordine: RIS Roma Delitti imperfetti.

Il pubblico del genere crime: principalmente di sesso femminile.

Il genere crime ha riscosso molto successo sia tra uomini che donne appartenenti a diverse fasce di età, anche se il pubblico che sembra prediligere queste serie è senza ombra di dubbio quello di sesso femminile.

A prima vista le donne potrebbero sembrare poco attratte da scene cruente e di sangue, in verità però riescono ad esserne affascinate perché è grazie a queste che riescono a prendere consapevolezza su come evitare di diventare vittime e riconoscere i primi segnali di squilibrio nell'ipotetico serial killer.

Le donne, in pratica, preferiscono queste serie televisive per il semplice fatto che guardarle potrebbe erudirle in materiale criminale ed evitare che si possano trovare in situazioni sgradevoli, gli uomini, al contrario, sentendosi più al sicuro e forti, ne sono meno attratti.

Genere crime: giallo, noir e thriller.

Se dovessimo definire un filone al quale ricondurre queste serie, dovremmo innanzitutto pensare che non ne esiste uno solo ma bensì si tratta della condensazione di più tipologie. Il classico giallo, all'interno delle opere crime, si fonde alla perfezione con il genere noir e per certi aspetti riesce a giocare sulla psicologia umana anche mediante delle note tipiche del genere thriller. Insomma un vero e proprio mix di correnti di pensiero che ha permesso la nascita di uno dei generi più acclamati dal pubblico televisivo mondiale.

Fonte: http://seriedavedere.com

Nessun commento su Il genere crime: un cult della televisione internazionale
Tag:
Categoria: Miscellanea

Il nuovo sistemo di videosorveglianza: Manything marzo 23, 2017

La tecnologia, in alcune occasioni, è anche sinonimo di risparmio economico e di riciclo: questi due concetti si sposano perfettamente con l'applicazione per dispositivi mobili di Manything la quale potrebbe sostituire definitivamente i sistemi di videosorveglianza.

Manything: l'applicazione che serve da sistema di sorveglianza

Manything rappresenta un'applicazione che riesce ad offrire un grande livello di sicurezza veramente unica sotto ogni punto di vista.
Manything è infatti un'applicazione per dispositivi mobili, sia Android che iOS ed anche Windows Phone, che permette di poter effettuare delle registrazioni in casa propria sfruttando un vecchio cellulare. 

Se si possiede un telefono che ha problemi o che viene ritenuto obsoleto, ma la cui fotocamera risulta essere funzionante al massimo, sarà possibile sfruttare questo oggetto come sistema di videosorveglianza.

Basterà infatti decidere dove mettere lo smartphone e avviare la registrazione: il dispositivo funzionerà come appunto una videocamera di sorveglianza. Grazie a questa particolare applicazione sarà quindi possibile poter evitare degli sprechi eccessivi di denaro con sistemi che a volta sono poco professionali.

Le diverse funzioni di Manything 

L'applicazione per dispositivi mobili di Manything possiede diverse funzioni interessanti come, ad esempio, quella che permette di accedere alle immagini che vengono registrate in casa propria in diretta streaming.

Per sfruttare tale funziona occorre solo effettuare la registrazione richiesta da parte di Manything e avviare la ripresa delle immagini dal telefono che viene utilizzato come videocamera.
Effettuando l'accesso con un altro dispositivo sarà possibile creare una connessione con la videocamera smartphone e osservare quanto sta accadendo in casa propria.
Altra funzione di Manything è quella che consiste nel poter salvare le video riprese nella memoria del telefono oppure nel cloud virtuale. 

Nel primo caso, le registrazioni verranno mantenute per due giorni circa mentre, nel secondo dei due casi, sarà possibile poter accedere alle riprese per una settimana.
Nel momento in cui si subisce un furto, intrusione o altre situazioni negative del genere, si potrà sfruttare il filmato nel quale vi è tale atto e renderlo disponibile alle autorità che procederanno con le indagini. 
Di conseguenza sarà possibile avere un sistema di video sorveglianza abbastanza buono grazie a quest'applicazione per dispositivi mobili.

Il costo di Manything

L'applicazione di Manything risulta essere in parte completamente gratuita ma vi sono delle funzioni che risultano essere disponibili solo se si sottoscrive un abbonamento.
Manything permette di accedere a diversi pacchetti, ognuno dei quali da accesso alle varie funzioni come, appunto, quella di streaming in diretta.

Per sfruttare Manything sarà richiesto l'accesso alla telecamera e microfono dello smartphone: questa richiesta deve essere autorizzata per poter sfruttare al massimo Manything. 
Un abbonamento proposto da Manything ha un costo pari a 2,99 dollari mensili, poco meno di 2,5 euro circa, che garantisce comunque la possibilità di salvare le diverse riprese che potrebbero poi essere utilizzate per scopi personali.

Manything è quindi il nuovo sistema di video sorveglianza degli ultimi che permette di risparmiare diverso denaro.

Suggerito da: fastadsl

Nessun commento su Il nuovo sistemo di videosorveglianza: Manything
Tag:
Categoria: Miscellanea

Barba, baffi o pizzetto? Più sexy con il regolabarba marzo 22, 2017

 

Insostituibile accessorio dell’uomo che ama avere un look virile ma non trasandato, il regolabarba è facile da usare. Ecco le dritte per per ottenere da lui il meglio, senza perdite di tempo o di denaro.

 

A COSA SERVE IL REGOLABARBA?

Sono passati gli anni in cui per avere un aspetto curato e sofisticato un uomo doveva essere sempre perfettamente rasato e mostrare la pelle liscia di un bambino. Fortunatamente la barba in ogni sua variante, dal pizzetto minimal al barbuto hipster style, è stata definitivamente sdoganata. L’importante è che il suo aspetto non sia mai lasciato al caso. Perché se viene trascurata comunica immediatamente l’immagine sgradevole di una persona trasandata. Curare il proprio look è importante e per farlo regolarmente, senza perdere troppo tempo davanti allo specchio, basta acquistare un buon regolabarba, accessorio indispensabile per essere sempre in ordine con poca fatica e a una spesa facilmente accessibile. Il regolabarba serve a curare nei minimi dettagli baffi, barba e pizzetto e non va confuso con il rasoio che si può utlizzare solo per tagliare la barba. E nemmeno lo si può sostituire con il tagliacapelli perché quest’ultimo non è in grado di offrire la stessa precisione e le medesime lunghezze di taglio che un regolabarba invece può assicurare.
regolabarba infatti sono realizzati con testine di taglio molto piccole, in genere inferiori ai 20 millimetri e per questo riescono a definire con precisione i contorni. Se vuoi mantenere inalterata la lunghezza della tua barba, dei baffi, del pizzetto o di una barba magari non troppo lunga ma con un disegno particolare, va da sé che l’utilizzo praticamente quasi quotidiano di un apparecchio di grande precisione come il regolabarba è pressoché necessario.

 

ADDIO BARBIERE

Avere la barba sempre in ordine significa muoversi su tre fronti:

  • regolare la forma generale,
  • controllare i singoli peli o certe aree di peli
  • tenere sotto controllo la lunghezza.

Per potere fare tutto ciò, con risultati apprezzabili anche se si è alle prime armi e senza andare dal barbiere, è indispensabile usare il regolabarba che attraverso le guide di taglio regolabili rende il tutto molto semplice. È sufficiente infatti regolare la lunghezza desiderata per ottenere un risultato più preciso di quello che offre un banale rasoio e allo stesso tempo per riuscire a catturare i peli delle zone più difficili senza strappi e senza evidenti disomogeneità. Questo non significa che il regolabarba è adatto solo a chi vuole uno styling scolpito di barba e baffi, è perfetto anche per chi preferisce un look più selvaggio, basta semplicemente settare la modalità di taglio sulla lunghezza desiderata.

 

COME SI USA IL REGOLABARBA?

Come usare il regolabarba. Se i peli sono lunghi, conviene passare il regolabarba dall’alto verso il basso, in pratica seguendo il verso del pelo, così da sfoltire la massa. Per una barba corta e omogenea basta radersi contropelo, mentre per definire i contorni o anche solo per un look sagomato è bene capovolgere il regolabarba e muoversi a piccoli tocchi. Attenzione: bisogna partire sempre dalla parte esterna, quella da radere completamente, e poi arrivare piano piano alla parte che deve rimanere più folta, così da non rischiare di sbagliare e rovinare il disegno della barba.
In commercio si trovano pratici modelli impermeabili che permettono l’utilizzo sotto la doccia e sono utili anche per rimuovere i peli del corpo. L’importante quando si usa un regolabarba di questo genere è inumidire sempre la barba, anche quando non si è sotto l’acqua, in modo da ammoribidire i suoi peli e renderli più docili al contatto con le lame.
Cosa invece da non fare con i regolabarba tradizionali, per i quali è sempre meglio avere una pelle sempre perfettamente asciugata. Infine la manutenzione, operazione necessaria per garantire una lunga vita al regolabarba: alcuni modelli hanno la testina lavabile, una comodità che permette di rimuovere velocemente ogni residuo sotto l’acqua, ma questo non esclude che per mantenere le lame taglienti si debba anche pulire con la spazzolina e ungere con qualche goccia di olio lubrificante.

 

 

Nessun commento su Barba, baffi o pizzetto? Più sexy con il regolabarba
Tag:
Categoria: Fashion

Giocattoli Intelligenti Quercetti marzo 21, 2017

Quando pensiamo a giochi divertenti utili all’apprendimento, non possiamo non considerare i famosi giocattoli intelligenti quercetti che rappresentano un marchio solido in grado di garantire qualità e sicurezza da decenni.

La società quercetti è specializzata nei famosissimi giochi di intrattenimento utili per imparare e stimolare la creatività. Ad esempio, il gioco dei chiodini rappresenta un classico gioco da tavolo creativo,  che accompagna grandi e piccoli da intere generazioni.

Ogni singolo gioco nel panorama dei giocattoli intelligenti quercetti, è studiato nei minimi dettagli per incuriosire i bambini. Ad esempio nell’era di internet fra i tanti, esiste un gioco della quercetti chiamato Pixel Photo, consiste nel comporre splendidi ritratti con i chiodini.

Giocattoli intelligenti pixel photo

Si procede in questo modo,  innanzitutto bisogna collegarsi al sito quercetti.it caricare la foto che si preferisce ( consiglio una foto in primo piano perché sono più semplici e vengono meglio) seguire le istruzioni per stampare le foto guida dal sito e poi posizionarle sulla tavoletta a disposizione per creare le immagini con i chiodini.

Unica nota dolente di questo gioco, è che i chiodini presenti all’interno della confezione non sono sempre sufficienti. Dunque il mio consiglio è quello di procurarvi anche altre scatole di chiodini in più,  per poter realizzare tutte le vostre immagini. In totale si possono creare 9 pagine con 10800 fori su 9 tavolette traforate più una cornice.

Su ciascuna tavoletta si mettono i chiodini, (in totale ce ne sono 14800). E una volta che abbiamo completato la nostra foto preferita, possiamo appenderla come un quadro nella nostra cameretta oppure dove più ci piace. Questo è soltanto uno dei tanti giocattoli intelligenti quercetti, che di questo genere hanno fatto il proprio cavallo di battaglia facendosi conoscere a livello mondiale.

Per rimanere in tema, il classico gioco dei chiodini rimane il più ricercato nel genere, in quanto per la sua semplicità diverte ancora moltissimo. E’ possibile trovare chiodini di varie dimensioni e forme, con possibilità di creare immagini come se stessimo disegnando su un foglio bianco, dando libero sfogo alla nostra fantasia utilizzando i tanti colori disponibili.

La famiglia quercetti sono uno storico marchio Italiano che ben si contraddistingue per l’innovativa idea che venne lanciata per la prima volta nel 1953, trasformandolo in uno dei passatempi più amati di sempre. Dunque si tratta di una storia lunga più di 60 anni che ancora oggi in tempi moderni, pur con l’avvento delle nuove tecnologie, i bambini hanno ancora bisogno di riscoprire per il piacere della sua semplicità, discostandosi qualche volta dai soliti schermi, tablet e console.

Se cerchi giocattoli da tavolo della quercetti, oppure cerchi altri giocattoli divertenti e stimolanti per i tuoi bambini, ti consiglio caldamente un blog che ho trovato molto interessante nell’esposizione delle sue descrizioni accurate e basate su reali esperienze di acquirenti vari, in grado di aiutare gli utenti a scegliere giocattoli sicuri e di buona qualità, che si possono acquistare soprattutto all’interno di Amazon a prezzi molto convenienti.

Inoltre per rimanere sempre aggiornati e fruire di ottimi contenuti è consigliabile iscriversi al form Newsletter presente nel sito, che vi consentirà da subito di ricevere gratuitamente una lista di ben 50 giocattoli in legno per bambini della prima infanzia.

Buon divertimento!

http://www.giocattoliperbambini.org/

Nessun commento su Giocattoli Intelligenti Quercetti

Roma, in viaggio con i bambini marzo 14, 2017

Un viaggio in famiglia è una bellissima idea, soprattutto con la primavera alle porte. Se si hanno bambini, però, è bene scegliere con cura la destinazione, affinché sia particolarmente adatta ai più piccoli e non scontenti nemmeno i grandi. Abbiamo scelto Roma come meta per un viaggio con i bambini, perché è una città che meglio di altre si presta a essere visitata e girata con tutta la famiglia. Sicuramente la capitale rappresenta una bella destinazione a prescindere, ma offre anche moltissimi spunti per i bambini e per trascorrere del tempo diverso con loro. Ecco quindi una serie di idee e suggerimenti per alcuni posti della città da scoprire proprio con i nostri figli, partendo dalla premessa che sarà meglio comunque alloggiare in una comoda sistemazione centrale, magari un hotel a Roma Termini a 4 stelle come l’Ateneo Garden Palace, che ci consenta – la sera – di rilassarci in un ambiente elegante e impeccabile, così da recuperare energie per la nostra vacanza di famiglia.

I luoghi della Capitale da visitare con i piccoli

La Capitale offre moltissimi posti per mangiare, anche con i bambini. Chiaramente sarà molto più agevole farlo in strutture, appena fuori Roma, che offrono anche uno spazio esterno, magari piccoli agriturismi circondati dal verde in cui i bambini possano giocare e correre liberi. Meglio ancora se ci sono anche gli animali dell’agriturismo, un’occasione in più di divertimento assicurato. Un’esperienza da non perdere, anche con i piccoli, è quella di mangiare da Eataly, un vero edificio di tre piani interamente dedicato alla tradizione gastronomica italiana. Eccellenze, unicità del territorio e tanto spazio per mangiare e stare comodi e in pace.

Tra i posti da visitare, invece, come non menzionare l’Orto Botanico, un piccolo scorcio, un’oasi di pace in cui i nostri piccoli possono giocare liberamente, immergendosi nella natura, nei suoi fiori e nelle sue piante. Per tutti i bambini fino ai 6 anni di età, si può entrare gratuitamente, il che non guasta mai. Un altro divertimento sicuro è il BioParco, dove i bambini possono scoprire gli animali e nel fine settimana anche assistere e partecipare ai pasti degli animali ospitati nel parco. Un altro luogo sicuramente da non perdere per una vacanza a misura di famiglia è il museo dei Bambini, in cui i più piccoli possono fingersi adulti per qualche ora, mettendosi alla prova nelle attività quotidiane di noi adulte, professioni comprese. Sarà uno spasso vederli.

Infine, ci sono gli immancabili parchi del divertimento. A cominciare da Rainbow MagicLand, l’ultimo nato tra i parchi divertimento della Capitale, è una vera chicca nel settore e non si può non farci un salto. Leggermente fuori Roma c’è anche il più famoso Parco Divertimenti di Valmontone, capace di assicurare diverse ore, se non una giornata intera, di divertimento per i piccoli e riposo per i grandi.

Nessun commento su Roma, in viaggio con i bambini
Categoria: Miscellanea

Cosa regalare per un battesimo? febbraio 21, 2017

 

La prima festa importante per un bambino e senza dubbio il battesimo a Roma, una festa religiosa che ha ormai una valenza anche sulla società, infatti  il bambino viene festeggiato  con una grande festa in cui si ricevono numerosi regali.

Il regalo solitamente viene fatto in  base a quello che il rapporto con i genitori del bimbo,  e quello più importante viene fatto dal padrino e dalla madrina del bambino.

Quali sono i regali più comuni per un battesimo

Solitamente il padrino e la madrina offrono come regalo una collanina d’oro, che nel maggior parte dei casi rappresenta un’icona religiosa, che può essere una croce, un angioletto e una raffigurazione di Gesù Cristo, come protezione per il bambino, mentre un altro regalo di questo genere può essere rappresentato da un ciondolo con il segno zodiacale dove far incidere il nome  e la data di nascita del bambino.

Questa tipologia di regali è molto bella,  ma quando il bambino cresce è per questo che negli ultimi anni sono aumentati  regali come dei buoni postali intestati ai genitori o un versamento su un  libretto postale che può essere usato per le esigenze del loro bambino.

Ci sono poi quei regali originali che fanno sempre far piacere, come ad esempio: una fiaba per il battesimo, che permette di personalizzare un libro con le foto del bambino, dei genitori, dei nonni, di eventuali fratelli,  e rappresenta un ricordo bello da vedere una volta  che il bambino è cresciuto.

Un altro regalo particolare è una cornice: che può essere d’argento o digitale, un genere sviluppato negli ultimi anni.

Qui i genitori inseriscono le foto del bambino che rappresentano il suo percorso di crescita, mentre uno degli oggetti che va per la maggiore  in questo momento è sicuramente il metro per misurare la crescita del bambino nel tempo.

Ci sono poi quei regali che sono utili che aiutano i genitori di  a risparmiare dei soldi nel corso della crescita del bambino e tra questi ci sono:  seggiolino per auto, box, seggiolino per bici, carrozzina, marsupio per la mamma, triciclo e  un salvadanaio a forma d’animale dove poi verranno messi soldi che saranno utili al bambino quando cresce.

Se il vostro budget per i regali non è elevato potete fare dei regali utili e a poco prezzo, come ad esempio:trapunta per culla,set pappa che comprendono biberon e set per scaldarlo, set accappatoio e pigiama e set cambio pannolini.

 

Nessun commento su Cosa regalare per un battesimo?
Categoria: Attualità

Il prezioso mondo dei giochi gonfiabili per bambini febbraio 13, 2017

 

I giochi gonfiabili: inesauribile fonte di divertimento

Capita spesso che i nostri bambini vengano invitati alle feste; i luoghi prediletti per celebrare i compleanni o le feste dedicate ai più piccoli sono generalmente le ludoteche, strutture dotate di molte attrazioni e molte aree di divertimento per bambini.
Quando i piccoli vengono invitati a queste feste, in quale area desiderano andare prima di tutte? Per molti bambini, la risposta è semplice: nei giochi gonfiabili. Queste grandi strutture gonfiabili sono generalmente composte di materiale plastico ad alta resistenza, che permette ai bambini di giocare in tutta sicurezza e traendo il massimo divertimento dall’attività ludica, anche grazie alla caratteristica morbidezza di tali supporti. Alcuni dei principali giochi gonfiabili assumono la forma di scivoli, altri di veri e propri castelli, ed altri ancora di enormi labirinti, permettendo ai più piccoli di passare diverse ore di divertimento smisurato insieme agli altri amichetti, e lasciando i genitori in totale tranquillità.
Nella categoria dei giochi gonfiabili vi sono certamente strutture più o meno ampie, ma sono inclusi anche oggetti ludici di forme più piccole, adatti ad ogni bambino, come sfere di ogni dimensione, birilli e personaggi dei cartoni animati.

Le caratteristiche dei giochi gonfiabili per bambini

I giochi gonfiabili, come quelli prodotti e venduti da Birba, posseggono numerose qualità che possono rassicurare i genitori circa gli aspetti più vari. Innanzitutto, per poter essere immessi in commercio necessitano di superare appositi test di sicurezza, che ne garantiscano l’usabilità e l’efficienza a lungo termine. Inoltre, nonostante occupino volumi importanti e non alla portata di tutti, possono essere sgonfiati, arrivando ad occupare un volume veramente molto basso, il che li permette di essere riposti e presi nuovamente quando necessario. Ancora, proprio grazie al fatto che occupano volumi molto elevati quando completamente gonfi, è opportuno sottolineare come essi siano adatti a giochi primaverili o estivi all’aria aperta, dove i piccoli possono anche godere di aria fresca e lunghe giornate di sole.
Non c’è da temere neanche circa i materiali: essi vengono selezionati tra le alternative più valide presenti sul mercato, al fine di garantire una resistenza e robustezza massima ai giochi gonfiabili per bambini, che presentano quindi elevata tolleranza a urti, strappi ed oggetti contundenti.
I giochi gonfiabili per bambini rappresentano quindi un’eccellente soluzione per tutti i genitori che vogliono regalare ai propri figli attimi indimenticabili di gioia e divertimento, permettendo inoltre loro di conoscere e toccare con mano giochi di altri tempi, ma che resteranno per sempre intramontabili.

 

Nessun commento su Il prezioso mondo dei giochi gonfiabili per bambini
Categoria: Games

Mononucleosi negli adolescenti: come curarla febbraio 11, 2017

La mononucleosi rappresenta una malattia tipicamente adolescenziale causata nella maggior parte dei casi da uno scambio prolungato di saliva tra un soggetto sano ed uno malato. È proprio per questo motivo che l’incidenza maggiore di tale patologia, della famiglia degli Herpes Virus, è tra i soggetti di età compresa fra i 15 ed i 24 anni (in Lombardia nel 2013 si sono registrati 391 nuovi casi di mononucleosi con una media di circa 300 nuovi casi ogni anno) che proprio in questa fascia d’età scambiano i loro primi baci e consumano il primo rapporto sessuale. In alcuni casi la malattia può diffondersi facilmente anche tra soggetti con un’età inferiore per due motivi principali: sistema immunitario ancora troppo debole e le molte ore passate a stretto contatto con altri soggetti sia all’asilo che a scuola.

Si chiama malattia ghiandolare perché interessa le ghiandole: una delle manifestazioni più tipiche è infatti l’ingrossamento delle tonsille, accompagnato in quasi tutti i casi da ingrossamento dei linfonodi del collo, talvolta della milza (nella metà dei pazienti) e del fegato (in circa un terzo dei pazienti).

In ogni caso la mononucleosi non deve assolutamente spaventare  nessuno : tranne alcuni casi davvero molto rari nei quali in qualche soggetto può svilupparsi una complicazione nota col nome tecnico di splenomegalia (ingrossamento della milza) per la quale è necessario il tempestivo intervento del medico, la malattia ha un decorso assolutamente positivo a patto di bere tanto, stare al caldo e riposarsi per qualche giorno.

Trattandosi di un virus e non di un batterio, la mononucleosi negli adolescenti non va curata con antibiotici ma solo reintegrando i liquidi ed assumendo all’occorrenza dell’ibuprofene o del paracetamolo in caso di dolore intenso a muscoli ed articolazioni e di eventuale comparsa di febbre. Solo il medico curante potrà eventualmente optare per un farmaco antibiotico nell’eventualità il virus abbia dato origine secondaria ad un’infezione batterica (solitamente alla gola) per la quale esso si rende necessario. 

Il virus che causa la mononucleosi è in ogni caso un campanello d’allarme sul buono stato del nostro sistema immunitario. Per rinforzarlo ed evitare che gli adolescenti la contraggano, è assolutamente necessario prevenire il problema attraverso un’alimentazione che prediliga frutta e verdura di stagione ed uno stile di vita sano fatto di tanto movimento. In questo modo il nostro organismo sarà più reattivo nel combattere virus e batteri responsabili, fra le varie possibilità, proprio della mononucleosi.

Approfondimenti su mononucleosi.eu

Nessun commento su Mononucleosi negli adolescenti: come curarla
Tag:
Categoria: Miscellanea
css.php