DaBimbi
Articoli su Tecnologia, Benessere e Altro

Cremazione, i personaggi famosi italiani che hanno effettuato tale scelta giugno 7, 2017

 

 

La cremazione è un’antichissima pratica, ancora molto diffusa in alcuni Paesi asiatici, che tuttavia in Occidente ha visto un lungo periodo di oblio. Questa consiste nel bruciare il corpo di un defunto e di raccoglierne le ceneri e, in base alle indicazioni fornite dallo stesso defunto precedentemente o dai suoi parenti, custodirle all’interno di un’urna oppure disperderle in luoghi cari prescelti. Se la cremazione a Roma o nella Grecia antiche era una consuetudine assai diffusa, con la nascita e l’espansione della religione cristiana questa ha iniziato ad essere sempre meno praticata, in quanto in contrasto con la convinzione della resurrezione del corpo e del suo successivo ricongiungimento con l’anima. Tuttavia, dopo un lunghissimo periodo di oblio in cui tale pratica era pressoché scomparsa in Occidente, negli ultimi secoli si è registrato un lento ma costante ritorno a questa, sebbene con diverse limitazioni, soprattutto in Italia.

E proprio nel nostro Paese sono stati diversi i personaggi celebri che hanno scelto di essere cremati, anziché sepolti in maniera tradizionale. Diversi ad esempio gli scrittori, come Luigi Pirandello, che dopo anni di peripezie e di lontananza dalla sua Sicilia (per molto tempo le sue spoglie furono conservate presso il cimitero romano del Verano), finalmente è ritornato nel suo luogo natìo. Altra scrittrice illustre cremata è Elsa Morante, le cui ceneri furono sparse nel mare antistante l’isola di Procida. Rito tuttavia che valse al suo esecutore, l’amico Carlo Cecchi, problemi con la giustizia, in quanto a quel tempo lo spargimento delle ceneri era vietato.

Un politico illustre che ha effettuato tale scelta è Antonio Gramsci, fondatore del partito comunista italiano, le cui ceneri si trovano dal 1938 all’interno del cimitero acattolico di Roma, accanto a tanti altri grandi personaggi celebri. Anch’esso cremato ed illustre, ma in tutt’altro ambito, è Cesare Musatti, considerato il padre fondatore della psicanalisi italiana e autore di diversi libri, anche di letteratura, uno dei quali gli valse perfino il prestigioso premio Viareggio.

Ad essere cremati comunque sono stati anche tanti divi del mondo del cinema, dello spettacolo e, in generale, della cultura italiana. Tra questi possiamo annoverare diversi cantanti: i compianti ed amatissimi Pino Daniele, Lucio Battisti, Claudio Villa, Mia Martini e Fabrizio De André, la cui urna cineraria è conservata nel cimitero genovese di Staglieno, non lontano dalle piazze e vie celebrate nelle sue canzoni.

Diversi anche i personaggi cinematografici e teatrali che hanno scelta la cremazione. Tra i primi possiamo annoverare un pilastro del “neorealismo” italiano, come il celebre regista Luchino Visconti, oppure gli attori Silvana Mangano e Walter Chiari. Tra i secondi invece il regista triestino Giorgio Strehler.

 

Nessun commento su Cremazione, i personaggi famosi italiani che hanno effettuato tale scelta

Europa Park: 6 attrazioni da non perdere nel parco divertimenti tedesco giugno 4, 2017

Sei mai stato ad Europa Park? No? Allora non sai cosa ti perdi. Stiamo parlando di uno dei principali parchi divertimenti in Europa. Del secondo per numero di visitatori dopo il parigino Disneyland. Si trova in Germania nella città di Rust, non lontano da Friburgo e si estende su una superficie enorme. Ha 14 aree tematiche, 2 riservate ai più piccoli e oltre 100 attrazioni. Ti sembra difficile orientarsi? Beh, in effetti il rischio di perdersene qualcuna c'è. Ecco perchè vogliamo aiutarti: ti segnaliamo le 6 attrazioni – una per "tipologia" – che non devi assolutamente perdere.

Per gli amanti dell'acqua: Poseidon

Poseidon è la montagna russa acquatica di Europa Park. L'ambientazione è greca e l'attrazione garantisce un fresco divertimento per tutta la tua famiglia. E' una combinazione di ottovolante e giro in barca con salite, curve e discese tra cui quella vertiginosa di oltre 20 metri! 

Per i più piccoli: Piccolo Mondo

A rischio di essere campanilisti ma secondo noi i bimbi devono provare il viaggio attraverso l'Italia! Stiamo parlando di Piccolo Mondo, l'attrazione che consente di vedere da vicino Pisa, Venezia e Firenze accompagnati dal pappagallo Enzo.

Per gli amanti dell'azione: Wodan

Cerchi adrenalina e velocità? Wodan è ciò che fa per te! Sono le prime gigantesche montagne russe in legno dell’Europa-Park! Un percorso di oltre 1km, altezza di 40 metri e velocità che supera i 100km/h: ecco i numeri dell'ottovolante in grado di regalarti un'esperienza da brivido!

Per tutta la famiglia: Enzian

Enzian è l'espresso delle Alpi. Un'attrazione classica ideale per le famiglie, il primo ottovolante ad essere costruito all'Europa-Park. Il treno dopo un loop orizzontale, una salita e una veloce ridiscesa entra nel "Magico mondo dei diamanti" prima di schizzare nuovamente alla luce del giorno. Assolutamente da non perdere.

La novità 2017: Voletarium

La novità di quest'anno promette di essere subito tra le attrazioni più visitate. Sali a bordo del Voletarium, il più grande teatro volante d'Europa e sorvola l'intero Europa-Park ammirando dall'alto tutta la sua bellezza!

Divertimento indoor: Eurosat

Ambientazione Francia per questo ottovolante al buio. Situato all'interno della sfera argentata ben visibile già da lontano, che simboleggia il quartiere francese, Eurosat promette un affascinante viaggio tra le stelle. Sali a bordo di una navetta spaziale argentea che ti porta in alto prima di catapultarti nel vuoto! La navicella sfreccia tra pianeti e meteoriti, attraverso un firmamento che lascia senza fiato. Subito dopo passa in un tunnel di luce accecante che ti riporta alla realtà. Un viaggio affascinante attraverso l'universo!

Nessun commento su Europa Park: 6 attrazioni da non perdere nel parco divertimenti tedesco

Una sposa perfetta: ecco i nostri 5 consigli maggio 29, 2017

 

È il giorno del tuo matrimonio e vuoi che tutto fili liscio, che tutto sia perfetto e che soprattutto il giorno più bello della tua vita sia permeato interamente da una sola parola: l’eleganza,eleganza che il tuo fotografo a Roma riuscirà a rendere immor tale comei suoi scatti.

“L’eleganza deve essere la giusta combinazione di distinzione, naturalezza, cura e semplicità.” Diceva Christian Dior

Per essere una sposa elegante abbiamo pensato a 5 consigli basilari, semplici da seguire, e il risultato sarà  assicurato

 

La scelta dell’abito

Un abito da sposa semplice, con colori scelti ad hoc per far risaltare l’incarnato di chi lo indossa e senza troppi particolari ridondanti che possano mettere in risalto unicamente l’abito e non chi lo indossa. Lo strascico non troppo lungo, gli inserti in pizzo non eccessivi.

 

La scelta delle scarpe

Le scarpe altro particolare protagonista del giorno delle nozze, sì ai tacchi, ma non eccessivi, e soprattutto un consiglio per chi non li indossa abitualmente: meglio un tacco moderato ed una camminata leggiadra che un tacco molto alto che vi farà attraversare la navata pentendovi amaramente della scelta e lasciandovi distrarre da quel che di più importante vi accingete a fare: sposare l’uomo della vostra vita

 

La scelta del bouquet

Per la scelta del bouquet, altro particolare importantissimo che concorre a donare alla vostra imagine quell’importantissimo tocco di eleganza in più. E quindi colori non troppo accesi, perfetti I toni pastello e anche il classico bouquet interamente bianco. Da evitare mazzi troppo grandi o composti da fiori enormi, perfetta la peonia se vi doveste sposare in primavera.

 

La scelta del Make up

Per la scelta del make up anche qui le parole d’ordine saranno sobrietà ed eleganza, ma attenzione: non esiste il trucco da sposa perfetto, ne esiste uno unico per ogni sposa che si rispetti, che le corregga eventuali imperfezioni, che valorizzi il viso e che soprattutto esprima la personalità di chi lo indossa, permettendo alla sposa di sentirsi esattamente se stessa, rimanendo poi in tema con l’abito scelto.

 

Essere se stesse

La sposa più elegante è senza dubbio quella che si sente bella e si ama. E quindi leggete i consigli di cui sopra, fateli vostri e poi dimenticatevene, quello delle nozze è un giorno unico, scegliete qualsiasi particolare in linea con la vostra personalità e il vostro buon gusto, fidatevi sarà un successo.

Nessun commento su Una sposa perfetta: ecco i nostri 5 consigli
Categoria: Wedding

Paggetti e damigelle degli sposi

Quando si va ad un matrimonio c’è quasi sempre la presenza di alcune figure molto importanti che sono i paggetti e le damigelle. Queste figure fanno parte dei matrimoni già dall’antica Roma in cui erano conosciuti come Amorini e Grazie e facevano da accompagnamento alla sposa inneggiando al Dio Imeneo, patrono delle nozze.

Solitamente questi ruoli erano, e sono, ricoperti da bambini che donano all’atmosfera del giorno delle nozze una nota di allegria e buonumore.

Chi sono le damigelle e i paggetti

In Inghilterra, sono, invece, diffuse le Flowergirl impersonate da bambine fra i 3 ed i 6 anni che spargono petali di fiori quando passa la sposa. I maschietti, prendono, invece, il nome di Ring Bearer e hanno il compito di portare all’altare il cuscinetto delle fedi. Tutt’altra storia è la figura delle damigelle d’onore, che sono le amiche adulte della sposa, e dei Best Man che sono, invece, quelli dello sposo.

In Italia, la tradizione è un po’ diversa. Infatti, paggetti e damigelle sono rappresentati dai figli piccoli di amici e parenti che si dedicano a portare allegria durante i festeggiamenti. Nel caso in cui a ricoprire questo ruolo ci siano eventuali figli della coppia che convola a nozze. Paggetti e/o damigelle staranno seduti accanto ai genitori durante la cerimonia per assumere la stessa importanza degli sposi questo momento così importante.

Di solito per paggetti e damigelle si preferisce un numero pari e se ne possono avere anche più di due ma solitamente in numero maggiore di 12 si parla solo di matrimoni principeschi.

I ruoli di damigelle e paggetti nel matrimonio

Parlando di bambini, il loro ruolo principale sarà quello di portare allegria e naturalezza durante i festeggiamenti ma se stiamo parlando di un matrimonio più formale i paggetti entrano prima della sposa in chiesa e portano gli anelli nuziali all’altare. Le damigelle, invece, sono sempre dietro al corteo perché hanno il compito di sorreggere il velo della sposa e sistemarle il vestito quando sarà seduta. Terminata la cerimonia, i bambini potranno aiutare gli sposi nella distribuzione delle bomboniere.

Una cosa molto importante da ricordare è che l’abbigliamento di paggetti e damigelle dovrà sempre essere in armonia, se non addirittura uguale, con il vestito degli sposi. Per raggiungere questo obiettivo ci si potrà relazionare con il negozio in cui la sposa ha acquistato l’abito, come ad esempio il negozio di Abiti da sposa a Roma The Woman in White, che saprà consigliare al meglio sull’acquisto degli abitini adatti.

Nessun commento su Paggetti e damigelle degli sposi
Categoria: Wedding

Devi fare la proposta? Scegli l’anello giusto! maggio 25, 2017

Tempo di proposte, tempo di matrimoni. Con l’arrivo della bella stagione anche il nostro umore è migliore e nascono nuovi propositi e progetti. In molti decidono di fare in questo periodo dell’anno la proposta di matrimonio, e la prima preoccupazione è quella di acquistare uin anello di fidanzamento degno di una principessa ma che magari non prosciughi le nostre finanaze. La scelta dell’anello di fidanzamento può essere terribilmente difficile per una serie di motivi: dalla scelta della tipologia, ai colori e soprattutto alla ricerca di un buon prezzo.
Riguardo al primo, l’ideale è seguire il proprio istinto e farsi guidare da una persona fidata che conosce bene la vostra compagna.
Che sia un tipo semplice, alternativo o elegante, per ogni sfumatura del carattere c’è un anello che aspetta solo di essere acquistato (e di far felice una donna).
Spesso le gioiellerie non hanno una vasta disponibilità e il cliente è costretto ad accontentarsi o scegliere qualcosa lontano dalla propria personalità, spesso per una mancanza di tempo che impedisce di visionarne diverse prima di scegliere.
Senza contare che nei negozi tradizionali i costi sono sicuramente maggiori e ciò grava sulla decisione finale.

 

Magari l’acquirente ha trovato l’anello ideale, tradizionale nella forma e con un elemento particolare che lo differisce da tutti gli altri gioielli visionati ma il prezzo della gioielleria è troppo alto, non ha modo di controllare i prezzi di altre gioiellerie ed è costretto a lasciarlo o prenderlo, magari su insistenza della commessa.
Cosa fare in questo caso? Tornare a casa, accendere il computer e comprare l’anello di fidanzamento su un qualsiasi motore di ricerca. Il risultato sarà sorprendente perché non solo lo troverete, ma ad un prezzo nettamente inferiore.

 

Per scegliere gioielli e diamanti ai prezzi migliori il consiglio è quello di acquistare da gioiellerie online, non solo per la vastità del catalogo ma anche perchè non vi sentirete giudicati se per motivi personali non acquistate il gioiello più bello (e più costoso).
Con vasti cataloghi, un’assistenza pronta e rapida e un’attenzione ai prezzi senza eguali, le gioiellerie online sono a portata di un click ed è possibile guardare, comparare e paragoni i vari modelli più volte e nella totale riservatezza, senza imbarazzi o pressioni all’acquisto.
Sono sempre di più gli uomini che ammettono di scegliere l’anello di fidanzamento o la fede nuziale online, con grande risparmio di tempo e salvaguardando la salute del proprio portafoglio senza rinunciare alla felicità della propria partner.

Nessun commento su Devi fare la proposta? Scegli l’anello giusto!
Categoria: Wedding

Un Itinerario nei Borghi della Riviera Romagnola maggio 5, 2017

La Riviera Romagnola è una terra di divertimento per tutte le età, non di meno per i più piccini che qui possono trovare spunti per imparare, conoscere e scoprire tante cose nuove. La storia, la natura, l’arte, la scienza e le leggende sono all’ordine del giorno sulla costa adriatica del nord.

Per vivere al meglio le opportunità della Riviera Romagnola è bene optare per una base fissa in cui prenotare un alloggio e in cui rientrare la sera. Di giorno poi via ad esplorare il territorio.

Scegliere una base: Cattolica

Una vacanza emiliana può avere come base la città di Cattolica, situata nella parte settentrionale della Regione, ma che risulta ben collegata con il resto della costa. Si può ipotizzare un itinerario verso nord o verso il centro a seconda della comodità. Tutto il circondario che includiamo in questo itinerario alla scoperta dei borghi più interessanti della riviera è facilmente raggiungibile dalla città di Cattolica.

Il Parco divertimenti che racconta i monumenti 

Una destinazione molto apprezzata dai bambini è il Parco Italia in Miniatura a Viserba di Rimini. Qui è possibile scoprire le più importanti bellezze culturali ed artistiche del Bel Paese, con una passeggiata tra monumenti e palazzi in miniatura. Un modo divertente per avvicinare i piccoli alle splendide diversità offerte dal nostro Paese.

Emilia Romagna terra di castelli

Non c’è territorio migliore per chi ama i castelli. E quale bimbo non li adora? I piccoli borghi dell’entroterra romagnolo sono costellati di tante fortezze di epoca medievale e intrisi di interessanti leggende. I più grandicelli apprezzeranno il Castello di Gradara, sede dell’amore controverso tra Paolo e Francesca. I più piccoli rimarranno incantati dal mistero di Azzurrina del Castello di Montebello, dove pare sia ancora presente il suo fantasma.

A Sant'Arcangelo per conoscere gli usi e i costumi 

A Sant’Arcangelo, suggestivo borgo che ha dato i natali a Tonino Guerra, è presente un interessante Museo Etnografico che narra con la sua collezione gli usi e i costumi degli abitanti della Romagna. Sempre in questo borgo è possibile avvicinarsi alla storia più antica presso il Museo Storico Archeologico. Ma a Sant’Arcangelo ci sono anche intriganti gallerie sotterranee che possono essere visitate, si tratta di grotte tufacee.

San Marino

In pochi minuti con l’automobile o con i mezzi pubblici da Cattolica si può raggiungere la Repubblica di San Marino. Entrare in questo Paese è un’esperienza interessante per le tante attrattive storiche e culturali, ma anche per avvicinare i bambini al mondo della numismatica o della filatelia.

Basiliche, chiese e crocifissi

L’arte religiosa in Italia offre splendidi esempi. I borghi dell’entroterra romagnolo hanno molto da regalare ai viaggiatori. Dai mosaici di Ravenna e Sant’Apollinare ai più modesti crocefissi lignei che troviamo nelle piccole chiese di collina come quella di Sant’Ermete a Gabicce Monte o a Longiano ad esempio.

Dove alloggiare

Sono molteplici gli alberghi a Cattolica in grado di soddisfare le esigenze più specifiche di bambini e famiglie. Molti hotel, di ogni livello e dimensione, sono ben attrezzati per accogliere i più piccoli e per rendere più semplice le vacanze ai genitori. Tante offerte family all inclusive, ma anche proposte per genitori single e per famiglie numerose.

Nessun commento su Un Itinerario nei Borghi della Riviera Romagnola

Come proteggere i bambini dalle zanzare maggio 4, 2017

Ogni anno arriva il periodo tanto odiato e temuto: quello delle zanzare. Come proteggere i più piccoli? Esistono degli anti zanzare per bambini naturali ed efficaci

Con l’arrivo della bella stagione i bambini desiderano più di ogni altra cosa trascorrere del tempo all’aria aperta ma spesso questo diventa un autentico problema quando la loro pelle delicata viene colpita dalle zanzare. Questi fastidiosissimi insetti, particolarmente ghiotti di sangue per deporre le loro uova, iniettano durante la puntura una sostanza irritante per la pelle che causa nella maggior parte dei casi prurito e rossore della zona interessata mentre in altre situazioni, più rare ed anche più gravi, reazioni allergiche da risolvere prontamente con l’aiuto del personale medico.

C'è chi dice che cercano soprattutto le persone con il sangue dolce, chi le pelli calde e sudate e chi ritiene che abbiano un debole per i colori rosso, giallo, nero e blu

La pelle dei bambini, inoltre, essendo per sua fisiologia più delicata, rischia di diventare un bersaglio ambito per le zanzare, in particolar modo se sono stati utilizzati prodotti particolari come creme e sostanze simili.  Per dire stop alle zanzare ecco allora un piccolo vademecum che ci permetterà di proteggere i bambini ed assicurare loro un’estate serena.

 

  • Coprite culle, passeggini, carrozzini e porta enfant con una zanzariera: ormai in commercio ne esistono di diversi tipi ed il loro utilizzo, anche e soprattutto per le passeggiate serali, può evitare che questi insetti infastidiscano i vostri piccoli;
  • Utilizzate indumenti a manica lunga se possibile ma leggeri e di cotone e preferibilmente di colori chiari: coprendo la pelle il più possibile, ovviamente senza rischiare che il bambino senta troppo caldo, è possibile evitare l’attacco delle zanzare. Il colore, poi, rappresenta una possibile attrazione per questi insetti se troppo vivace: meglio optare per toni neutri;
  • Piantate sul balcone piante e fiori scaccia-zanzare: per dire stop alle zanzare un altro utile consiglio è quello di coltivare sul balcone o sul terrazzo piante e fiori che allontanano naturalmente questi insetti a causa del loro odore. Tra queste quelle più consigliate sono senza dubbio la citronella, il basilico, il geranio, il rosmarino e la menta piperita;
  • Non utilizzate sulla pelle dei bambini, in particolare al di sotto dei 12 anni di età, spray repellenti chimici, soprattutto se con sostanze come Icaridina e DEET: è possibile optare per cerotti, spray e creme totalmente naturali con i quali proteggere la cute dei più piccoli dalle zanzare e al contempo scongiurare il rischio di irritazioni della pelle.

 

Nessun commento su Come proteggere i bambini dalle zanzare
Tag:
Categoria: Miscellanea

Come si organizza il matrimonio perfetto? aprile 7, 2017

 

Come si organizza il matrimonio perfetto?

Bisogna subito chiarire che purtroppo il matrimonio perfetto, nel senso stretto della parola, non esiste: ciononostante, si può custodire una bellissima memoria del fatidico giorno, che in futuro ci faccia sorridere e desiderare di riviverlo ancora una volta.

Nell’organizzare un matrimonio da sogno sono 5 gli step fondamentali da seguire:

  1. Organizzarsi in tempo: per prima cosa occorre munirsi di un diario, una moleskina o altro per annotare, scrivere, scarabocchiare qualsiasi idea e desiderio ci venga in mente, per non perdere traccia di nulla. Con l’aiuto di questo diario sarà possibile pianificare il matrimonio e controllare la costruzione del budget plan dettagliato con minuzia e soprattutto almeno un anno prima della data stimata. Partite subito quindi! Innanzitutto stilando la lista di invitati, inviando loro un save the date quanto prima, per avere da subito un’idea di chi parteciperà. In base alle conferme ricevute si andrà a scegliere la location per la cerimonia e per il ricevimento, nonché il menù con relativa organizzazione dei tavoli e dei posti a sedere. Tutti questi passaggi vi permetteranno di non sprecare denaro: quando il tempo a disposizione si restringe, infatti, anche le migliori possibilità a disposizione diminuiscono e si finisce per non trovare più le offerte vantaggiose.
  2. Valutare gli invitati e soprattutto i testimoni: stilate una lista di tutte quelle persone che con assoluta certezza contribuiranno a creare la giusta atmosfera. Circondatevi solo delle persone che davvero volete vedere seduti ai tavoli durante il ricevimento o quando attraversate la navata. Probabilmente si tratta dell’unico fattore imprescindibile per la buona riuscita del vostro matrimonio! E ancora più importante: i testimoni! Non solo perchè vi staranno accanto durante il momento più importante della giornata ma anche perchè saranno loro a dover organizzare il vostro addio al nubilato/celibato: sarà questa l’ultima occasione per lasciarvi andare prima della vita matrimoniale ed è un rito di passaggio che non potete saltare. Assicuratevi che il vostro testimone organizzi una grande serata o un viaggio divertente!
  3. Pianificate la spesa: informandovi sui costi minimi e massimi di ogni servizio/prodotto prescelto e stabilendo delle priorità, che cos’è importante per voi e cosa lo è meno.
  4. Scegliete il fornitore giusto e il catering giusto: per cercare il fornitore giusto nella vostra zona, wedding planner incluso, utilizzate i portali ad hoc ed i motori di ricerca. Andate su Google e cercate il wedding planner o il catering che fa per voi senza fermarvi al primo che trovate. Selezionate i professionisti con cura, poichè metterete parte della riuscita di questo giorno nelle loro mani. Non tutti i fornitori, infatti, possono permettersi di investire in pubblicità online, ma non significa affatto che la qualità di questi professionisti sia inferiore. Una volta scelto il professionista giusto che risponde alla vostre esigenze, fate un ultimo check, andando a guardare le recensioni che lo riguardano, se ci sono feedback positivi e negativi nei forum. A questo punto chiedete un preventivo!
  5. Scegliete un tema e rendete il vostro matrimonio unico: scegliete qualcosa che vi rappresenti in toto, che sia in linea con la vostra personalità e la vostra storia d’amore. Si consiglia di scegliere il tema da sviluppare di concerto con il wedding planner, il fotografo e altro, poichè sarà il filo conduttore per la scelta di tutti gli aspetti stilistici del vostro matrimonio.

Ed infine divertitevi, in fondo è il giorno più importante della vostra vita!

 

Nessun commento su Come si organizza il matrimonio perfetto?
Categoria: Wedding

Tutti al mare..che ansia!

Ed eccolo di nuovo qui quel periodo dell’anno in cui  l’estate  si intravede in lontananza e l’ansia lancinante di non riuscire a superare la sempre più drastica “prova costume” si fa largo prepotentemente. Spesso la cosa diventa una vera e propria ossessione da cui non ci si riesce a liberare e che può causare davvero non pochi problemi.

Sembra banale ma ogni anno sempre più donne ovunque e quindi anche nelle nostre città,  sono costrette a ricorrere ai metodi più svariati  per togliere qualche rotolino di troppo, per rassodare quelle zone che creano tanto disagio o magari solo per sistemare quei piccoli inestetismi che proprio non  fanno dormire la notte.

Che siano pochi oppure no, i kg di troppo comunque incidono sull’umore: ed è proprio in vista delle spensierate e rigeneranti giornate al mare che riaffiorano alla mente e allora non ci resta che decidere cosa fare e soprattutto, da dove cominciare.

Ci sono moltissime opzioni da valutare che in parte dipendono anche dalla percentuale di pigrizia che ci appartiene. Lo sport è senz’altro l’unico vero toccasana perché oltre a rassodare il nostro corpo ci aiuta anche nel processo di perdita di peso, in tempi magari non troppo ragionevoli ,ci vogliono dei mesi prima di vedere risultati  e soprattutto continuità negli allenamenti. Ed è proprio il fattore tempo  che spesso porta l’ago della bilancia a pendere su versanti in cui i risultati si vedono più velocemente e in modo meno  impegnativo.

 

Crioterapia: benefici sotto zero

Se il problema è cellulite, ritenzione idrica e pelle a buccia d’arancia vi basti sapere che  sta prendendo particolarmente piede l’utilizzo della crioterapia che sfrutta tutti i possibili benefici delle temperature  sotto lo zero. Grazie  all’utilizzo di macchinari appositi, viene creato artificialmente un freddo secco  proibitivo che si riesce a tollerare solo per una manciata di minuti e che apporta benefici incredibili.

 

Se vi capita di entrare in un centro per il dimagrimento a Roma per esempio provate a chiedere informazioni.  La criosauna ormai è di routine in moltissimi centri capitolini, uno dei più interessanti a tal proposito è senza ombra di dubbio il Salone delle Follie, dove  viene quotidianamente proposta anche per alleviare dolori articolari e vene varicose.

Mangiare sano  per depurare il corpo, bere tanto per drenare i liquidi in eccesso,    sport e  trattamenti estetici di ultima generazione : eccola  la carta vincente  per andare al mare in pieno relax.

 

Nessun commento su Tutti al mare..che ansia!

Il genere crime: un cult della televisione internazionale marzo 29, 2017

Il genere crime nasce in America ma ben presto si sviluppa a livello mondiale, trovando grandi consensi anche in territorio italiano. Le serie televisive di questa tipologia, presenti sul palinsesto televisivo del momento, si rifanno alla ricostruzione di delitti efferati, spesso tendenti al thriller o con risvolti psicologici degni dei più grandi serial killer della storia.

I protagonisti di queste stagioni sono spesso poliziotti, psicologi, avvocati e uomini di legge o ancora, omicida, pazzi psicopatici, membri della malavita organizzata e molto altro ancora.

Numerosi spunti narrativi per il genere crime.

Gli appassionati di questo genere televisivo sanno bene che le puntate delle loro serie televisive preferite possono rifarsi a storie realmente accadute oppure a trame totalmente inventate. Generalmente la politica, o per meglio dire la "fantapolitica", è la scena sopra la quale vengono studiate le storie da narrare all'interno delle serie televisive di maggior successo.

Se dovessimo citare alcune delle serie di genere crime più conosciute, le prime che ci verrebbero in mente sarebbero senza ombra di dubbio CSI, NCIS, Breaking Bad e Criminal Mind.

Anche la scena italiana non rimane indietro se la paragoniamo alle più avventurose serie tv americane, basti infatti pensare al gran successo con cui è stata acclamata la serie di R.I.S. – Delitti Imperfetti che si rifà alle indagini dei carabinieri del Reparto Investigazioni Scientifiche di Parma.

La serie televisiva è stata prodotta tra gli anni che vanno dal 2005 al 2009 ed è riuscita a tornare sul grande schermo tra il 2010 e il 2012 con un filone che si riaggancia alle investigazioni di tipo scientifico delle forze dell'ordine: RIS Roma Delitti imperfetti.

Il pubblico del genere crime: principalmente di sesso femminile.

Il genere crime ha riscosso molto successo sia tra uomini che donne appartenenti a diverse fasce di età, anche se il pubblico che sembra prediligere queste serie è senza ombra di dubbio quello di sesso femminile.

A prima vista le donne potrebbero sembrare poco attratte da scene cruente e di sangue, in verità però riescono ad esserne affascinate perché è grazie a queste che riescono a prendere consapevolezza su come evitare di diventare vittime e riconoscere i primi segnali di squilibrio nell'ipotetico serial killer.

Le donne, in pratica, preferiscono queste serie televisive per il semplice fatto che guardarle potrebbe erudirle in materiale criminale ed evitare che si possano trovare in situazioni sgradevoli, gli uomini, al contrario, sentendosi più al sicuro e forti, ne sono meno attratti.

Genere crime: giallo, noir e thriller.

Se dovessimo definire un filone al quale ricondurre queste serie, dovremmo innanzitutto pensare che non ne esiste uno solo ma bensì si tratta della condensazione di più tipologie. Il classico giallo, all'interno delle opere crime, si fonde alla perfezione con il genere noir e per certi aspetti riesce a giocare sulla psicologia umana anche mediante delle note tipiche del genere thriller. Insomma un vero e proprio mix di correnti di pensiero che ha permesso la nascita di uno dei generi più acclamati dal pubblico televisivo mondiale.

Fonte: http://seriedavedere.com

Nessun commento su Il genere crime: un cult della televisione internazionale
Tag:
Categoria: Miscellanea
css.php