Cosa c’è da sapere sui controsoffitti

{CAPTION}

Molte volte quando si pensa alla ristrutturazione di appartamenti a Roma per esempio, una delle cose  viene in mente è quella di sistemare o mettere un controsoffitto per l’isolamento acustico e termico.

Il controsoffitto è una struttura leggera che si collega  al solaio, utile soprattutto per la sua resistenza meccanica e le caratteristiche di termocoinbentate e fonoassorbenti.

I controsoffitti possono essere fatti di diverse superfici come ad esempio: il legno, il cartongesso, fibre naturali, materiali plastici, metallici e laminati.

Quando si decide di fare questo tipo di lavoro è consigliabile rivolgersi ad esperti  nel campo, che si occuperanno di fare un sopralluogo e un preventivo per la mess

a in opera del controsoffitto.

Ogni controsoffitto presenta degli elementi e delle caratteristiche specifiche, ad esempio quelli moderni sono composti da strutture in legno con intelaiture fisse in metallo che si vanno a collegare al solaio.

Ci sono anche diverse tipologie di chiusura in base a requisiti di ispezionabilità e flessibilità, se non si deve rispondere a queste regole con la chiusura, questo può essere di tipo continuo  fissando una rete metallica a piccole maglie o anche attraverso l’utilizzo dell’intonaco che viene realizzato con cemento e malta di calce.

La chiusura di tipo discontinuo è fatta attraverso degli elementi modulari, che presentano una connessione di diversi elementi, che sono semplici per essere tolti ed è considerato utile quando dobbiamo fare un passaggio degli impianti.

La chiusura a schematura è fatta attraverso l’uso di elementi modulari come le griglie che vengono inserite  con il sistem a maglia che permette una miglior proprietà fonoassorbente.

Proprietà dei controsoffitti moderni

Tra le principali proprietà tecniche dei controsoffitti abbiamo sicuramente:

  • Fonoassorbenza

  • Cablaggio

  • Contenimento delle canalizzazioni

  • Schermatura delle strutture del solaio

  • Facilità nel montaggio e adattabilità grazie alla flessibilità modulare

Con i controsoffitti moderni l’impresa deve per prima cosa rispettare delle regole  derivanti dalle nuove normative europee per evitare dei problemi a livello legale e burocratico.

Le più importanti tipologie di controsoffitti

Controsoffitti in legno

Il controsoffitto in legno viene utilizzato soprattutto per le case di campagna o le baite di montagna per una questione soprattutto estetica.

Con l’inserimento di questo controsoffitto  si ottiene un ottimo comfort acustico  e sono per questo usati anche in alberghi  e sale congressi , teatri, cinema.

I controsoffitti in legno presentano una struttura portante, che viene fissata alla parete e al soffitto.

Controsoffitti in cartongesso

Quelli più usati sono i controsoffitti in cartongesso, che presentano una struttura stabile  e indeformabile e vengono modellati in basi al tipo di soffitto presente.

Tra le principali caratteristiche di questi soffitti troviamo che sono ignifughi e possono inoltre essere abbelliti attraverso la pittura murale.

Lascia un commento