Come diventare una guida turistica

{CAPTION}

Un lavoro che ancora oggi riscuote molto successo e viene particolarmente ricercato è quello della guida turistica.  Ifatti il nostro paese è tra le mete più amate dai turisti e molti ragazzi appassionati di storia e di arte scelgono di intraprendere questa  professione, per accompagnare  i turisti, in particolare della capitale, che desiderano conoscere le bellezze che offre.  Spesso negli  hotel stazione Termini ad esempio, vengono “reclutate” delle guide turistiche accreditate dal comune per i gruppi che intendono averne una a completa disposizione che li segua per tutta la permanenza, scegliendo insieme quelli che sono gli itinerari da seguire.

Il compito principale di una guida turistica quindi è quello di accompagnare un gruppo di persone nella visita di opere d’arte, musei, scavi archeologici e siti di rilevante importanza, spiegandone in modo chiaro e appassionato la storia. Per questo chi sceglie di diventare una guida deve possedere una buona cultura di base e  una abilità descrittiva e di parola per far comprendere al meglio  ai turisti cosa stanno visitando.

Il lavoro di guida turistica è disciplinato dal Decreto Ministeriale dell’11 dicembre 2015, che contiene al suo interno anche le informazione relative a quelli che sono i siti d’interesse storico  per cui è richiesta una speciale abilitazione.

Cosa serve per fare la guida turistica

Per poter fare l’esame di abilitazione al ruolo di guida turistica sono richiesti  dei requisiti minimi:

  • Essere maggiorenni

  • Possedere la qualifica professionale di guida turistica, ottenuta in uno degli stati membri dell’UE e un’abilitazione allo svolgimento della professione

  • Avere una laurea triennale

Per quel che riguarda la sessione d’esame, queste sono decise dalle regioni di competenza  e comunicati attraverso dei bandi che vengono pubblicati ogni due anni.

L’esame per conseguire l’abilitazione consiste in una prova scritta dove i candidati devono rispondere a domande a scelta multipla riguardanti la legislazione, l’organizzazione turistica italiana, la storia dell’arte e alcune relative alla specializzazione scelta.

La seconda prova è quella orale,  i candidati dovranno rispondere a domande sugli stessi argomenti della prova scritta e a seguire sostenere una prova tecnico pratica in cui  si cimenteranno in una simulazione di visita guidata.

Dopo aver superato l’esame si viene inseriti nell’elenco delle guide turistiche per i siti di particolare interesse storico, con la relativa specializzazione.

Le professioni legate a quella di guida turistica

La professione di guida turistica è strettamente legata ad altre professioni, che riguardano l’accoglienza e la gestione dei turisti.

Tra queste figure lavorative troviamo:

  • Tour leader: colui che si occupa di accogliere i turisti  e di accompagnarli nella visita

  • Escursionista: figura presente nei luoghi dove regna incontrastata la natura, il suo compito è quello di accompagnare i turisti durante le escursioni

Guida ambientale: accompagna  i  turisti nella visita degli ambienti naturali come ad esempio i musei ecoambientali

Lascia un commento