Dormire in una scatola di cartone? I neonati Finlandesi lo fanno!

Dormire in una scatola di cartone? I neonati Finlandesi lo fanno!

In Finlandia, fin dagli anni trenta quando era una nazione poverissima e con un tasso di mortalità infantile tra i più alti in Europa e nel mondo, viene utilizzata regolarmente una scatola di cartone come culla per i neonati.

Ma come mai questa usanza?

Questa tradizione nasce in effetti proprio in quegli anni, momento in cui il governo finlandese decise di supportare le nascite, e i nascituri, donando ai bambini e alle loro mamme la "äitiyspakkaus", ovvero la "Baby box".

Trattasi in sostanza di una scatola di resistente cartone contenente vari generi di prima necessità per il bebè quali coperte, pannolini, tutine, bavaglini, cremine, etc…

Una volta svuotata, la confezione diventa una pratica culla per il piccolo.

Alcuni studi asseriscono addirittura che questa usanza abbia contribuito a diminuire fortemente la mortalità infantile in Finlandia (Sids – sindrome della morte in culla).

Basti pensare infatti che nel 1938 la mortalità infantile contava 65 decessi ogni 1000 neonati. Oggi si contano 1,3 decessi ogni 1000.

Certamente le migliorie della medicina e delle condizioni economiche hanno avuto una fortissima influenza su questo, ma la "Baby box" dal canto suo ha dato anch'essa un valido supporto.

Non è stata tanto la scatola di cartone resistente in sè, ma bensì l'educazione comportamentale dei genitori a cui la "Baby box" ha contribuito.

Il vero messaggio contenuto nelle Baby Box

Nella maggior parte dei casi, i neo genitori tenevano erroneamente il bambino nel lettone con loro, o li si rifugiava in giacigli non adatti al piccolo, con cuscini o coperte troppo voluminosi.

La scatola di cartone invece protegge il bambino, ha le dimensioni adatte affinchè non si possa mettere in posizioni pericolose ed evita cadute e soffocamento.

Pratica e leggera, ma molto robusta allo stesso tempo, il bambino si abitua fin da subito ad avere un suo spazio e viste le dimensioni ridotte è anche possibile posizionarla in mezzo al lettone senza incombere in situazioni pericolose per il bebè.

Questa idea è così di successo che ancora oggi, nonostante la possibilità di scegliere tra questa soluzione o un contributo economico governativo, le neomamme continuano a preferire di gran lunga la scatola.

La "Baby box" è inoltre un vero e proprio simbolo della cultura del welfare scandinavo che sembra voler rimarcare con chiarezza come ogni persona, alla nascita, ha i medesimi diritti indipendentemente dalla posizione sociale della propria famiglia di appartenenza.

Negli anni, visti i risultati estremamente positivi in rapporto al dispendio economico relativamente basso, l'idea è stata messa in pratica anche in altri Paesi del mondo.

Recente la decisione del New Jersey e dell'Ohio (negli Stati Uniti) di fare anch'essi omaggio ai piccoli neonati di una "Baby box".

La stessa posizione è stata anche presa da Canada e Sudafrica. Insomma, la "Baby box" è davvero un esempio di come praticità e semplicità possano essere spesso risposte efficaci per risolvere problemi alle persone.

Lascia un commento