Cani smarriti: microchip e siti internet per aiutarci a ritrovarli

{CAPTION}

Smarrire il proprio animale domestico è un vero e proprio dramma, ma come fare per ritrovarlo? Da sempre siamo abituati a vedere nelle strade annunci come “Smarrito, si dà ricompensa in caso di ritrovamento”, creando così un tipo di speculazione basata proprio sull’inganno. Per ovviare questo tipo di problema ormai da anni è stato legalizzato il microchip epidermico, accompagnato dalla registrazione e adozione nell’anagrafe comunale, dedicata appunto agli animali domestici. Questo è diventato ormai un rimedio essenziale ed importante nella ricerca del vostro animale domestico in caso di smarrimento. Il microchip infatti è anche un dispositivo Gps che può essere usato dalle autorità per rintracciare l’animale in  pochissime ore, diventando così quasi totalmente affidabile soprattutto nel caso di cani smarriti. Nel frattempo però anche il mondo di internet riesce ad essere di aiuto nel caso appunto di smarrimento degli animali domestici. Negli ultimi anni sono nati dei veri e propri siti web come aiuto e supporto per coloro che si trovano in situazioni come queste. Questi siti web, dedicati agli animali smarriti, sono diventati dei veri e propri contenitori di foto e numeri telefonici, creando così una fitta catena di aiuti che da internet è capace di riflettersi anche nella vita reale. Molto spesso l’annuncio da parte delle famiglie che sperano di trovare il proprio cane, gatto ecc… sono accompagnate anche dalle foto delle targhette identificative, dove è possibile trovare inciso anche la data di registrazione nell’anagrafe comunale degli animali domestici. Questo tipo di informazione è particolarmente rilevante perché nel momento in cui ritrovate un cucciolo basterà digitarlo nell’area apposita creata nel sito Salute.gov.it, in modo tale da trovare facilmente la famiglia di appartenenza.

Come si procede all'impianto del microchip 

Per impiantare il microchip è essenziale in un primo momento registrare il cane negli appositi uffici comunali, dove vi verrà consegnato il microchip che dovete fare impiantare dal vostro veterinario di fiducia. Questo genere di pratiche viene così seguito dal pagamento di alcune tasse che si differenziano a seconda del comune di riferimento. Nel momento in cui portate il vostro animale dal veterinario per l’impianto dermico del microchip dovete sapere che questo subirà un intervento a tutti gli effetti, anche se solitamente si preferisce utilizzare l’anestesia locale. Per questo motivo è importante avvertire il vostro veterinario che vi guiderà durante la fase di preparazione, dato che è preferibile effettuare l’impianto epidermico solo quando il cane ha raggiunto il primo anno di età.

Lascia un commento