Bambini, qual è l’età per avere lo smartphone

Bambini, qual è l’età per avere lo smartphone

Qualche generazione fa prima di avare uno smartphone, anzi un banale cellulare in mano, un ragazzo qualunque avrebbe dovuto aspettare di avere almeno 16 anni. Oggi, fin da bambini ci chiedono il telefono. Da genitori cosa dovremmo rispondere? Sicuramente il risultato più immediato sarà il dubbio tra la protezione della salute e della privacy del nostro piccolo e il rischio di isolarlo rispetto ai coetanei che possiedono già lo smartphone. Meglio allora prenderne uno semplice e affidabile, leggendo qualche parere online, come la recensione Galaxy J5? Vediamolo assieme.

Bambini e smartphone, cosa dicono gli esperti

In alcuni Paesi del mondo, tra cui gli USA, da qualche anno gli esperti si domandano ufficialmente se debba esistere davvero una minima età per possedere lo smartphone, esattamente come accade per il tabacco e l’alcol. Difficilmente, però, verranno messi dei divieti e dei limiti in quanto siamo già a un punto quasi di non ritorno per gli esperti del settore, psicologi in primis. Secondo l’indagine Eukids 2017, infatti, più della metà dei bimbi italiani possiede un cellulare a soli 9 anni, a 15 lo ha la quasi totalità degli adolescenti.

Il punto di vista degli psicologi sui bambini

Allora quale criterio dovremmo utilizzare secondo gli psicologi per comprendere se davvero è il caso o meno di acquistare uno smartphone per il nostro bambino? La prima domanda da porci è se davvero gli serve un cellulare. La seconda è se il piccolo è pronto per gestirlo. Un aspetto spesso sottolineato, infatti, è che l’utilizzo dei device tecnologici ha un impatto negativo nei bimbi dal punto di vista sociale. Inoltre, da un punto di vista prettamente fisiologico, le ricerche recenti dimostrano che la tecnologia condiziona anche le competenze cognitive ed emotive. Spesso lo smartphone diventa un oggetto da cui il giovane dipende, una fonte di distrazione e uno strumento che diminuisce radicalmente la soglia di attenzione, influenzando anche lo studio e la socialità.

Cosa consigliano gli esperti

Gli esperti consigliano di aspettare almeno i 13/14 anni, visto che per i più piccoli, come i bimbi della scuola primaria, utilizzare lo smartphone potrebbe diventare un’impresa difficile. Meglio, insomma, correre il rischio che il bambino si senta un po’ diverso dai coetanei non avendo uno smartphone che alimentare una dipendenza da tecnologia fin da un’età tenerissima. Ovviamente, non mettere a disposizione uno smartphone non vuol dire che il bambino non debba poter utilizzare un pc di casa sotto la supervisione di un genitore e andare su internet.

Lascia un commento