Vacanze col bebè: cosa mettere in valigia

Vacanze col bebè: cosa mettere in valigia

Viaggiare con i figli, soprattutto quando sono piccoli, non è più un tabù o un limite grazie alle numerose soluzioni di pernottamento e ai servizi di accoglienza mirati per le famiglie; persino nel ricercato mondo degli hotel boutique, ve ne sono alcuni dedicati proprio alle famiglie con bebè e in ogni caso se si sceglie un buon hotel, si trovano tutti i servizi confortevoli e utili per le proprie esigenze. L’ Hotel Teatro Pace  a Roma è un esempio non solo di boutique hotel, ma anche di hotel confortevole e ricco di servizi per grandi e piccini.

Cosa mettere in valigia quando si viaggia con il bebè

Quando si viaggia con i piccolissimi, l’equipaggiamento è molto importante; i volumi aumentano e le cose da portare a cui pensare sono tante, ma basta un po’ di organizzazione e abitudine; se si ha la fortuna di recarsi in una struttura adeguata, in un family hotel, molte delle attrezzature (seggioloni per la pappa, alcuni giochi, carrozzini …) e dei servizi sono già predisposti.

A voi genitori spetta l’attenzione per la salute e il benessere del piccolo durante il viaggio: che sia in macchina, treno, aereo, moto o bici, non deve mai mancare il seggiolino multifunzione, l’ovetto che può trasformarsi in seggiolino per auto o agganciato alle ruote un comodo passeggino e , se reclinabile, diventa una comoda culletta. La scelta del “mezzo di trasporto” del vostro bebè dipende anche dal tipo di vacanza: in montagna o al mare o in una città d’arte, fate in modo di scegliere il passeggino più confortevole per il piccolo e più maneggevole e richiudibile in pochi gesti per voi.

Quando il piccolo è un lattante, in fin dei conti, tutto ciò di cui ha bisogno è la pappa, il ciuccio e la nanna. Oltre al ciuccio preferito di vostro figlio, mettete in valigia altri di riserva; si potrebbero perdere, sporcare in un momento in cui non potete sciacquarlo, rompere e per evitare corse alla ricerca dell’unica farmacia aperta, procuratevi una discreta scorta per qualsiasi evenienza, insieme al biberon (anche se allattate al seno) da utilizzare in caso vi ammaliate o siate costrette a prendere farmaci incompatibili con l’allattamento. I piccoli possono spesso risentire degli spostamenti, per tranquillizzarli è sufficiente portare con sé la copertina o qualcosa che abbia l’odore del suo lettino, un profumo di casa che rasserena il piccolo quando si trova in un ambiente nuovo.

Una piccola borsa frigo sarà utile per trasportare acqua, latte, qualche pappa, la frutta; se ci si reca all’estero è bene portare qualche scorta in più nel caso non si trovi la pappa preferita del vostro piccolo. A proposito di pappa, indispensabili sono i bavaglini, non sono mai troppi.

Nei viaggi lunghi, fate attenzione a non creare il senso di irrequietezza nel bambino, impegnandolo sempre in qualche gioco, quindi aggiungete alla lista: libri sonori, canzoni, giochi, il suo pupazzo preferito, ma anche qualcosa di nuovo che lo incuriosisca e lo tenga impegnato per la maggior parte del tempo.

Ovviamente l’abbigliamento del bebè deve essere idoneo al viaggio e alla stagione, ma una cosa che non deve mai mancare in qualsiasi periodo dell’anno viaggiate di portare i cappellini, a tesa larga, a zuccotto, in cotone o lana sono utilissimi per proteggere la testa e il viso dai raggi UV o dalle otiti.

Come gestire le emergenze in viaggio col bebè

È indubbio che il corpo di un bambino può avere reazioni imprevedibili ad un cambiamento, per cui bisogna sempre tenere a portata di mano un cambio completo, dei sacchetti di plastica in cui riporre i vestiti sporchi, tutto il necessario per la cura e l’igiene del bebè oltre a creme protettive solari, creme contro le punture di insetti, un termometro, fermenti lattici, tachipirina in gocce, colliri, soluzioni per lavaggi nasali e dentali, insomma un piccolo kit di pronto soccorso e intervento, nonché dell’ottimo sapone di Marsiglia per lavare – appena rientrati in hotel – i vestitini e i bavaglini sporchi, anche se non avete intenzione di riutilizzarli, sarà necessario togliere il grosso dello sporco ed eliminare gli odori.

Lascia un commento